Home

Torna all'indice del libro

 

Cap. 2

Il nome della rosa. Descrizione dell'opera

 

"Il nome della rosa", di Umberto Eco, si apre con una prefazione dell'autore in cui è premessa a epigrafe la frase "Naturalmente, un manoscritto", con la quale l'autore sembra ammiccare ad un lettore abbastanza scaltro da cogliere un topos letterario che ha precedenti illustri ne "I Promessi Sposi" di Alessandro Manzoni o nell'"Orlando furioso" di Ariosto .Umberto Eco afferma, infatti, di aver ricevuto un manoscritto nel 1968 a Praga, dall'Abate Vallet, sei giorni prima dell'invasione sovietica nella città, di averlo perso e poi ritrovato dopo varie peripezie, e di accingersi , a dieci anni di distanza, a riscriverlo per il solo gusto di raccontare, senza più l'ambizione, nutrita nel '68, di scrivere per cambiare il mondo. La prefazione dell'autore è seguita dal Prologo in cui Adso da Melk, io narrante del libro, ambienta storicamente gli avvenimenti che seguiranno. Siamo nei primi anni del XIV secolo quando il papa Clemente V trasferisce la sede pontificia ad Avignone, lasciando Roma in preda alle ambizioni dei signori locali. Viene, inoltre, nominato imperatore Ludovico di Baviera ma, nello stesso giorno, gli viene contrapposto Federico d'Austria, che viene però sconfitto definitivamente nel 1322. Nel frattempo, nel 1316 viene eletto ad Avignone un nuovo papa con il nome di Giovanni XXII, contrario all'ideale di povertà proprio dei francescani, che a Perugia accolgono la volontà degli spirituali proclamando come verità di fede l'esempio di Cristo, che aveva posseduto solo l'indispensabile per vivere. Ma il papa condanna ciò che asseriscono i francescani, spingendo l'imperatore a vedere in loro dei possibili alleati contro il pontefice. In questo contesto si colloca la storia che sullo sfondo delle controversie teologiche del tempo, è un giallo caratterizzato da un intreccio tipicamente medievale, legato a problematiche di origine filosofica, in un luogo che rappresenta uno dei perni culturali del periodo, un antico monastero benedettino. La corruzione e la mondanizzazione della classe ecclesiastica, la cattività avignonese, l'avvento della terza età dello Spirito Santo, annunciato da Gioacchino da Fiore, la nascita di movimenti ereticali e le conseguenti persecuzioni, arrivano addirittura a colpire la dura regola benedettina in uno dei monasteri che ne era tra i maggiori conservatori.

Il manoscritto di Adso è diviso in sette giornate e ogni giornata è suddivisa in ore liturgiche (Mattutino, Prima, Terza, Vespro, Compieta) e dalla descrizione minuziosa e particolareggiata che l'autore fornisce di ogni dettaglio di quel tipico mondo, Umberto Eco dimostra di possedere un ampio insieme di nozioni, quindi un'erudizione, che gli permette di ricostruire con precisione storica il mondo medievale. La descrizione degli eventi ha inizio nel novembre del 1327, all'arrivo di Adso da Melk, giovane novizio, e del suo maestro Guglielmo da Baskerville, in un'abbazia, fulcro di misteriosi avvenimenti, conosciuta nel periodo per la sua fornitissima biblioteca. Adso non rivela la collocazione dell'abbazia che, comunque, si trovava lungo il dorsale appenninico tra Piemonte, Liguria e Francia. I due protagonisti vi si recano per sostenere, insieme ad altri frati minoriti, un incontro con una delegazione di vescovi e clerici avignonesi che parteggiavano per il papa. L'ordine francescano da sempre si ispirava, infatti, al voto di povertà di Cristo, ed in particolare con il recente avvento del capitolo di Perugia queste ideologie erano state riconfermate con maggiore radicalismo, a tal punto, da essere considerate vicine ai movimenti ereticali. Inoltre uno dei  maggiori protagonisti del dibattito religioso,  Michele da Cesena, capo spirituale dei francescani, in base all'esito finale dell'incontro dovrà decidere se recarsi o meno ad Avignone per esporre al papa i propositi della sua comunità. In realtà questo incontro passerà quasi in secondo piano a causa di una serie di inspiegabili omicidi, il primo dei quali riguarda un giovane frate ritrovato morto ai piedi dello strapiombo del monastero. Guglielmo, che in passato era stato inquisitore, diventa l'unico personaggio, all'interno della confraternita, in grado di risolvere i misteri celati dall'abbazia e dagli stessi frati, spesso suscitando, con il suo modo di indagare, controversie e tensioni: prendendo come esempio le teorie di famosi filosofi, come Guglielmo da Ockham,  e Bacone cerca la spiegazione di ogni avvenimento con l'utilizzo della ragione, che a volte diviene un vero e proprio oggetto di vanto. Presto Guglielmo capirà che il motivo delle morti è da collegare con il segreto che avvolge la biblioteca, impossibile da visitare ed accessibile solo al bibliotecario ed all'aiuto bibliotecario. L'inquisitore Bernardo Gui, che farà parte della delegazione di Avignone, riterrà colpevoli, secondo una logica oltremodo scontata, l'ex dolciniano Salvatore ed il cellario Remigio, suo complice, i quali confesseranno sotto tortura il loro passato eretico. La sua affrettata conclusione si rivelerà però errata. Il suicidio di Guglielmo da Otranto, Venanzio trovato morto in una giara colma di sangue d'animale, Berengario in condizioni simili in una vasca dei balnea, Severino assassinato nell'ospedale, come pure il bibliotecario Malachia, morto stramazzando al suolo, ed Abbone morto rinchiuso nella biblioteca, sono legati ad un mistero molto più fitto. Al termine del racconto si scoprirà infatti che il colpevole è Jorge, un frate anziano e non vedente. Egli uccide i suoi fratelli mettendo del veleno su un libro conservato in una zona della biblioteca chiamata FINIS AFRICAE. Il manoscritto, in diverse lingue, nella libreria greca, contiene il secondo libro della poetica di Aristotele dedicata alla commedia e al riso, considerati da Jorge esclusivamente pagani e negativi per l'uomo, in quanto anche Gesù non diede mai esempi di questo genere nei vangeli. Il riso e la commedia sono considerati dall'integralismo del vecchio frate pericolosi perché sovvertitori di ogni principio di autorità. I caratteri ideologici dei vari personaggi del romanzo vengono delineati grazie ad una lunga serie di dialoghi che si originano da dissidi morali, religiosi e filosofici. La stessa rigidità della dottrina concepita da Jorge da Burgos emerge in una discussione da lui affrontata in presenza di Guglielmo, Adso ed altri fratelli nella biblioteca, e poi continuata a Compieta durante la funzione che precede il pasto serale. Altra figura fondamentale che emerge nel romanzo è quella di Ubertino da Casale, che si presenta agli occhi del narratore con un aspetto simile a quello di "una fanciulla colpita da morte precoce", a causa del chiarore della sua pelle e del suo corpo fine e gracile. Nonostante la descrizione di sé che Ubertino fa come di un uomo debole e stanco, la successiva narrazione della sua vita e delle sue lotte ci pone davanti un uomo dalla forte personalità. Egli era stato, insieme ad altri frati, tra cui Angelo Clareno, tra gli iniziatori del movimento francescano degli spirituali, nato per rinnovare l'ordine cluniacense in preda alla corruzione ed al tradimento degli ideali di San Francesco, e vicino alle predicazioni di Gioacchino da Fiore. Ovviamente i nuovi predicatori, con la loro rigida dottrina, trovarono opposizioni ovunque, anche nella stessa curia papale, e sfociarono nell'aperto conflitto con il papa Bonifacio VIII, accanito persecutore degli spirituali. Ubertino da Casale contribuirà molto con il suo bagaglio culturale, derivante da decenni di peripezie, al chiarimento della realtà storica del periodo, ed eserciterà anche una forte influenza sullo stesso Adso, che sarà molto colpito dalle sue prediche. Il valore del personaggio ai fini della trama si lega quindi anche al suo vero ruolo nella storia dell'Italia agli inizi del 1300. Singolare è la figura di Salvatore, effetto della fantasia creatrice dell'autore, che rispecchia nella sua persona alcuni aspetti dell'eresia dell'epoca. Fuggito dal villaggio natio in preda alle carestie ed alle epidemie, egli era entrato in contatto con numerosi movimenti ereticali, che generalmente nelle campagne avevano il loro epicentro: Salvatore aveva viaggiato con patarini, valdesi, dolciniani, fino ad aggregarsi ad un gruppo di minoriti.

Gli avvenimenti che interessano l'abbazia sono narrati su uno sfondo mistico e interpretati dall'io narrante Adso come frutto del volere divino.

 

Home

Torna all'indice del libro