Il “Cannizzaro” piange la morte prematura della Preside Simonetta Tofani alla guida dell’Istituto per otto anni

 Preside Simonetta Tofani

Prototipo sobrio e disinvolto della femminilità impegnata, tra un Collegio Docenti e una seduta del Consiglio di Istituto soleva correre per i corridoi della scuola, sempre occupata, eppure disponibile al sorriso e alla parola. Nessuno le era estraneo.

Ha vissuto con passione la vita della scuola impegnandosi ininterrottamente fino alle ultime ore.

Era una donna forte che faceva sentire la certezza dell’affetto e la sicurezza di essere protetti, gli studenti soprattutto la ricorderanno per questo.

Chi muore si limita ad uscire dal “tempo” e ci resta vicino ma l’assenza è assenza e il vuoto attorno a noi è vuoto. La vera durezza della morte è per chi resta ma quando si è costruito un legame di affetto e di intesa, di collaborazione e di stima come lei ha saputo fare, neppure la morte riesce a lasciarsi alle spalle il nulla. La coscienza di ciò riuscirà a dare a tutti coloro che l’hanno amata e stimata un nocciolo profondo e inattaccabile di serenità.

 

“Una donna forte chi la potrà trovare? Ben superiore alla perla è il suo valore”

(Libro dei Proverbi)

 

 

Chiudi finestra