“Diario di Prudenza”

Il giorno 8 novembre 2002 con una manifestazione che si è tenuta in Istituto, l’Assessore ai Trasporti e Mobilità della Provincia di Roma On . Mario Cacciotti, ha consegnato agli studenti delle classi di biennio il “Diario di Prudenza”.
L’impegno dell’Assessore Mario Cacciotti è costante sul tema della sicurezza stradale.Tra le iniziative di maggior utilità è quella che lo vede all’interno delle Scuole per parlare dei pericoli della strada e dei comportamenti di prevenzione,progetto ambizioso che non potrà non avere una incidenza significativa tenuto conto che protagonisti ne sono i giovani la cui prima causa di morte è l’incidente stradale.
L’accoglienza è stata quella festosa e chiassosa che ci si aspettava da coloro che frequentano le classi di biennio; a loro era destinata l’iniziativa e a loro, di regole troppo spesso violate ,di “leggerezza” nell’uso dei mezzi di locomozione, di rischi e pericoli , di norme e di sicurezza stradale intesa come conquista sociale e stile di vita, hanno parlato l’Assessore e, in termini più tecnici, il Dott.Bruno Panico, Dirigente dell’Ufficio Vigilanza Autoscuole della Provincia.
l’Assessore ha ricordato ai ragazzi che tra tutto quanto fa sicurezza, il casco occupa un posto di primo piano e che la campagna promossa dal suo Assessorato “Chi usa la testa,usa il casco” ha riscosso un successo superiore alle aspettative.
Come pure l’iniziativa di creare in forma di diario scolastico, uno strumento di consultazione con all’interno illustrazioni dei segnali stradali, slogan sulla sicurezza e quant’altro può tornare utile per acquisire conoscenze e competenze riguardo al Codice della strada,il “Diario di Prudenza”, appunto.Ogni studente ne ha ricevuto uno in dono.
La Protezione Civile è un ambito per cui l’Assessore Cacciotti ha la delega,di ciò la platea era stata informata ed il tema era caldo considerati gli ultimi eventi.Le domande su quanto e come la Protezione Civile e i Volontari si fossero impegnati nei luoghi del terremoto hanno avuto risposte esaurienti .
Molto apprezzata e condivisa dagli studenti la richiesta inoltrata dall’Assessore agli Amministratori della Provincia di intitolare una strada o una piazza agli “Angeli di San Giuliano” per ricordare sempre che la scuola non è luogo di morte ma luogo dove vengono protetti i sogni dei bambini e dei giovani e la loro voglia di crescere.

Chiudi finestra