Home

Altre News

 Ad uno studente del quinto anno del Liceo Scientifico Tecnologico del Cannizzaro, selezionato dagli insegnanti per i suoi meriti scolastici, è stata data l'opportunità di partecipare alla 59^ mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia

Vai alla recensione dei film visti

ALCUNI STUDENTI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRANO IL GRANDE CINEMA

La provincia di Roma nell’ambito della 59^ mostra del Cinema di Venezia ha promosso un’iniziativa molto significativa: venti studenti (tra i quali anch’io) delle scuole superiori hanno avuto l’opportunità di vivere l’evento cinematografico più significativo dell’anno, la mostra di Venezia, in prima persona, dal 1 al 4 di settembre, con l’opportunità di incontrare personaggi di spicco nel panorama cinematografico, come registi, attori e “casting producers”, per affrontare interessanti discussioni e dibattiti, come quello sul casting e sulla produzione di un film, sull’evoluzione della sceneggiatura nel divenire film, ecc..Ma senz’altro, il momento più coinvolgente, è stata la visione dei film, tra i quali “Velocità massima” di Daniele Vicari, “Ripley’s game” di Liliana Cavani, “La casa dei matti”, “Far from Heven” e “Ten Minutes Older- the cello” di Bertolucci, Claire Penis, proiettati nella sala Pala BNL e nella Sala Grande della mostra.
L’incontro tenuto nel chiostro del convento di San Nicolò con i registi, attori e sceneggiatori è stato il confronto decisivo tra gli studenti e coloro che lavorano costantemente nel mondo del cinema attraverso la trattazione della tematica “Come nasce un film: dall’idea alla realizzazione” sviluppata in due parti nella giornata del 3.
Nella mattinata si è parlato dell’evoluzione della sceneggiatura nel divenire del film con gli interventi di Ferdinando Vicentini, regista e sceneggiatore, Francesco Apolloni, regista e attore, e Marco Bonini, attore. Ferdinando Vicentini ha voluto dare l’idea di come sia possibile realizzare un film, partendo da una semplice idea. Ha parlato, così, della sua ultima produzione, facendone vedere il backstage (retroscena). Il film, che uscirà prossimamente nelle sale cinematografiche, si intitola “The Cruelst Day”, la storia di Ilaria Alpi, la giornalista italiana uccisa a Mogadiscio con il suo operatore, Miran Hrovatin, durante la guerra in Somalia. Vicentini ha spiegato che è stato molto faticoso realizzare questo film sia per i continui spostamenti (Trieste, Slovenia, Roma, Marocco, Belgrado), sia per i problemi con le autorità pubbliche e sia per la documentazione. Il regista non sapeva nulla sui personaggi quindi la complessità è stata ricostruire la vita della giornalista. Interessanti sono stati anche gli interventi di Francesco Apolloni sceneggiatore e regista di molte fictions televisive come “Distretto di Polizia” e vincitore di “Sacher d’Oro”, “Premio Giffoni” e Festival di Locarno, New York , ecc..
Nel pomeriggio dello stesso giorno si è parlato del “dietro le quinte”, e sono intervenuti: Shaila Rubin, casting director, Fernando Ghia, produttore e Francesco Maselli. La Rubin ha spiegato che il lavoro del casting director è fondamentale. La sua attività è quella di scegliere gli attori da destinare ai film, con modalità ben precise in base al tipo di film.
Francesco Maselli e Fernando Ghia hanno invece raccontato le loro esperienze a Hollywood e le loro prime conoscenze con attori come Paul Newman e Liz Taylor.
L’incontro si è dimostrato di grande interesse e gli studenti hanno partecipato con grande curiosità. Negli altri giorni si sono alternate alle visioni dei film, le libere uscite e gli studenti romani hanno potuto ammirare le bellezze della “Serenissima”, visitando piazza San Marco, il centro con i canali, Murano, Burano,ecc..
Un’esperienza positiva in ogni suo aspetto, che ha dato a noi giovani l’opportunità di partecipare alla più importante manifestazione cinematografica italiana e l’opportunità di conoscere gli esponenti di spicco del cinema .sullo sfondo della “città lagunare” lasciandoci un ricordo indelebile e anche un motivo per ripetere l’esperienza nella sua 60° edizione. Un grazie sincero va alla mia scuola, alla Provincia di Roma, all’assessorato dello spettacolo, all’Ufficio Scolastico Provinciale ed alle accompagnatrici che hanno permesso un piacevolissimo soggiorno a Venezia.

Cacciotti Giuseppe V A LST

Vai alla recensione dei film visti

Home

Altre News